Visitare Bodegas Toro Albalá é come fare un viaggio nel tempo. Non appena si varca la porta principale, sembra di ritrovarsi negli anni ‘60. Si crea un´atmosfera nuova dove vino, vegetazione ed amicizie si uniscono sinergicamente facendoci sentire in un´ambiente famigliare.

Se  volessimo trovare l´elemento esclusivo nel nostro tour, senza ombra di dubbio si tratterebbe della sala di degustazione, che presenta una delle biblioteche monografiche più complete di Spagna, ed un inimitabile Dios Bacchus del secolo II, regalo di un archeologo inglese che si innamoró della nostra zona. Le pareti sono ricoperte con quadri di Rojas Clemente, che rappresentano le differenti varietá di uva esistenti nel mondo. I libri sono trattati relativi alle distinte tecniche agricole, degustazioni ed etichette, così come le differenti storie del mondo del vino che si riuniscono in questo maestoso luogo. Nel tetto, possiamo trovare un esempio di come si elabora l´amontillado, considerato il re dei vini generosi.

Il tour include un percorso nella cantina, dove si ritrovano i tesori piú pregiati della casa, per terminare in un piccolo museo familiare di carattere archeologico.

Le falcate iberiche si mescolano con macchine da scrivere di fine XIX secolo o con uno schiavo romano apparso nella tenuta familiare. Molti degli oggetti sono stati tramandati di generazione in generazione e costituiscono ora un vero e proprio tesoro visitabile.